lunedì 22 febbraio 2016

Scritto da Leonardo Armato


La Conferenza sul clima di Parigi si è chiusa lo scorso 12 dicembre con l’ambizioso obiettivo di contenere l’aumento della temperatura terrestre al di sotto dei 2 gradi.

Nel dibattito che si è creato attorno a questo evento hanno avuto ampio spazio le energie rinnovabili, il cui sviluppo procede in maniera spedita e che proprio l’anno scorso hanno registrato una crescita record a livello globale, mentre è passato un po’ sottotraccia il tema legato allo sviluppo sostenibile dei trasporti e di quanto questo proceda a rilento.

Proprio per porre l’attenzione su questo aspetto, l’Uic (Unione Internazionale delle ferrovie) ha lanciato la campagna “Train to Paris”, un viaggio a bordo di 9 treni provenienti da ogni parte d’Europa e dall’Asia e che ha coinvolto i delegati e i politici dei vari paesi diretti alla Cop21. Il viaggio si è concluso davanti alla Tour Eiffel e gli amministratori di 75 società ferroviarie hanno firmato l’impegno a dimezzare le emissioni di CO2 entro il 2030, a parità di passeggeri e merci trasportate.

I trasporti rappresentano circa un quarto delle emissioni di gas serra a livello globale e con la progressiva crescita del numero di autoveicoli nei paesi emergenti, per quanto la tecnologia possa tentare di ridurne l’impatto ambientale, il livello tenderà inevitabilmente ad aumentare vanificando del tutto questo sforzo.

Per contrastare la crescita delle emissioni in questo campo la soluzione allora è quella di spostare il trasporto delle persone e delle merci dalla gomma alla rotaia.
Il trasporto su rotaia rappresenta il 9% del totale dei trasporti a livello globale tuttavia genera solo il 3% delle emissioni prodotte dal settore.

La costruzione e la gestione di un chilometro di ferrovia comporta, infatti, un livello di emissioni che può arrivare ad essere dieci volte inferiore a quello di un chilometro di strada asfaltata, senza dimenticare che questo divario può ancora crescere grazie all'elettrificazione delle linee ferroviarie, che in Italia raggiunge il 72% contro il 21% su scala globale.

Eppure negli ultimi quarant’anni il trend è stato devastante poiché i chilometri di asfalto sono raddoppiati mentre i chilometri di ferrovia si sono ridotti del 9%, quindi la sfida appare piuttosto ardua.

Il trasporto su gomma continua a essere preferito perché più facile da gestire e più conveniente, grazie anche ai sussidi che paradossalmente riceve in molti paesi, mentre il trasporto su rotaia richiede un notevole sforzo organizzativo sia da parte delle imprese che dell’amministrazione pubblica, ma vista la situazione attuale è uno sforzo che non possiamo più permetterci di evitare.
Reactions:

1 commento :

  1. "Autosms" is a Opencart extension which is used to send new order sms notifications to Opencart store owners. Send sms alert to store admin when he got new order

    RispondiElimina