domenica 3 dicembre 2017


Scritto da Sofia Di Cesare

Si è conclusa la 23esima “Conferenza annuale delle Parti” (COP) nell’ambito della “Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici” (UNFCCC), tenutasi a Bonn dal 6 al 17 novembre. Durante la Conferenza si è discusso dell’implementazione di misure e strategie per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Si è trattato di dibattito più “tecnico” rispetto alla COP21, che con gli accordi di Parigi del 2015 aveva delineato le principali linee  di condotta. Senza giri di parole il cambiamento climatico viene definito dalSegretario Generale dell’ONU Guterresla “minaccia distintiva del nostro tempo”. Ciononostantegli attuali impegni nonpermetterebbero che una riduzione delle emissioni ad un terzo di quanto previsto a Parigi.


Presidenza alle isole Fiji: una scelta di valore simbolico

La novità di quest’anno risiede nel fatto che per la prima volta per una piccola nazione insulare in via di sviluppo, le isole Fiji, sia stata scelta a presiedere la conferenza. Il gesto, dal valore altamente simbolico, tiene conto del fatto che proprio queste piccole isole del Pacifico sono tra i Paesi a soffrire maggiormente cambiamenti climatici, a causa dell’innalzamento dei mari,di inondazioni e di tifoni. Infatti nel 2016 la stagione dei cicloni ha arrecato violenti danni alle Fiji, Isole Salomone, Vanuatu, Haiti, Tuvalu, Filippine e altri Paesi.

Un tocco “Pacifico”

Le Fiji hanno apportato il loro contributo, stabilendo che i negoziati dovevano procedere secondo lo spirito della Talanoa, termine figiano per un dibattito inclusivo e trasparente, che costruisca fiducia ed empatia. Il “Dialogo della Talanoa” aveva come scopo quello di rivedere le promesse avanzate dai singoli governi nazionali per quanto riguarda i tagli alle emissioni di carbone fossile.

Occhi puntati sugli Stati Uniti

L’annuncio della partecipazione da parte della Siriaagli accordi di Parigi ha lasciato gli Stati Uniti gli unicii grandi esclusi, anche sela rinuncia di Trump entrerà in vigore solo nel 2020, col padiglione americano unico assente. Un padiglione non ufficiale, America’s Pledge, ha riunito comunque aziende, enti, università, 15 governatori e 300 sindaci contrari alle politiche del Presidente. Contro Trump sono stati il governatore della California e l’ex sindaco di New York Micheal Bloomberg, supportati da multinazionali come Microsoft, Google e Walmart.

La sostenibilità della COP

Gli organizzatori hanno dato il buon esempio con una conferenza sostenibile, dai trasporti al catering, dalla gestione dei rifiuti all’impiego di energie pulite: una conferenza ad impatto ambientale minimo, obiettivo raggiunto, visto il conseguimento del certificato dell’Eco-Management and Audit Scheme (EMAS).

Esiti e considerazioni finali

A Bonn sono state definite nuove strategie e piani d’azione. Alcune delle maggiori novità scaturite sono state:
  1. Powering Past Coal Alliance, che riunisce 25 paesi (tra cui l’Italia) per facilitare la transizione ad una produzione industriale ed economica “carbon-free”.
  2. Piattaforma delle Comunità Locali e Popolazioni Indigene, a garantire decisioni governative nel rispetto dei diritti dei nativi.
  3. Gender Action Plan, per l’inclusione delle donne nel processo decisionale delle azioni.
  4. Ocean Pathway Partnership, per includere gli oceani nei anzitutto da programmi climatici nazionali.

L’atteggiamento sembra cambiato da parte di molti, specie Cina ed India. Prima di un definitivo giudizio, meglio dare tempo ai governi di mantenere gli impegni presi.

martedì 28 novembre 2017

Written by Martin Geyer

The EXPO 2017 -“Future Energy” has been called many names: From a setting for amazing tech breakthroughs to a death star, barely capable of changing Kazakhstan’s dependency on natural resources. Puzzled yet curious by the controversial press coverage, I decided to book a flight to a city that is widely ignored by western media and that I (honestly) barely knew anything about. The followings are my personal impressions of the exhibition and its importance for the shift towards a more sustainable future.



Directly upon the arrival in Astana’s newly built airport you could feel the EXPO spirit. Huge posters above the luggage belt were there to welcome you and give you a hint on what you’re about to experience. The following (hybrid) taxi ride through the streets of this planned city felt strangely natural. Although most of the city was built in the 21st century (making it younger than me), Astana somehow managed to develop a distinctive look and feel by blending European and Asian architecture in a way that works surprisingly well together and makes the city feel a lot more natural than expected.

Arriving at the EXPO area, I was once again amazed by the architecture that just perfectly fitted the theme of the exposition while offering space for a total 115 participating countries and 22 International Organizations, a lot compared to past specialized exhibitions. So let me give you an insight into some of the pavilions.
    

The past, the present…

Bad things first. Sadly, some countries including the Netherland, Greece and the UKs got lost in presenting a lot of information about past inventions leaving very limited space for new ideas.  
Spain, Turkey and several Arab states did a better job by focusing on current projects, mostly in the field of wind and solar energy. Spain impressively demonstrated its comprehensive knowledge in renewable energy production (allowing the country to have an 70% carbon free energy mix), while states like Algeria, the UAE or Saudi Arabia were showing their potential in the use of sustainable energy while pointing out several projects that are already under construction. Germany besides some electric car and smart home concepts presented the installation of the first Kazakh wind park, build with German engineering assistance. Having by far the most extravagant pavilion, Austria took a memorable approach by stating that the most valuable energy sources we have are our own bodies. As a demonstration, most of the pavilion’s screens were powered by bicycle generators - and while walking home to Vienna might not be the most serious suggestion, taking your bike to work, trivial as it seems, certainly makes a difference.

                                   

                                        

… and the future

Italy stood out by combining the presentation of past ideas with the empowerment of new ones. In the entrance of the pavilion, you could see short movies featuring Italians of all ages presenting their view on what could lead us to a more sustainable future. Latvia, having one of the most technologically advanced pavilions, went on with presenting its vision of the Riga Freeport implemented in in a globalized infrastructure. It was the first time I got in contact with Chinas “One belt one road” strategy which I was reoccurring in several pavilions. 
Further promising ideas came from Hungary by presenting a newly constructed geothermal energy system that is far more efficient than current models and Switzerland by displaying the Solar Impulse, a plane purely powered by solar energy.

Kazakhstan’s ideas

While the Asian superpowers Russia, China and India did not leave out the opportunity to show their visions for connecting the Asian continent, they were all upstaged by the host country. Stretching its exhibition over three separate buildings Kazakhstan showed a lot of promising concepts.
From urban agriculture and horticulture by exhibiting plants that grow inside the expo buildings and presenting a new office tower in Astana that grows food for its canteen right above it in indoor greenhouses over a smart power grid that shifts energy from different sources to the different consumers while showing high flexibility under all circumstances, visualized by a massive illuminated cube to the Kazakh ambitions for Eurasian railway projects which could help cutting carbon emissions of goods coming to Europe by a factor of 20 compared to trucks or planes while being more than 5 times faster than container ships.
With most of the Kazakh exhibition being in the unique sphere in the middle of the EXPO area there could have been no better place to show these concepts. Making use of impressive 360° projections the exhibition perfectly blended into the post-modern architecture. 

      


My conclusion

So what’s the takeaway of the 2017 EXPO? Well, certainly a lot of countries showed the ambition of shifting their energy production away from fossil resources towards more sustainable sources. Moreover, a lot of knowledge was exchanged, and some promising concepts presented. However, it remains questionable whether countries whose economy is substantially dependent on the export of natural resources (including Kazakhstan itself) are all interested in accelerating this shift. Also, BMW proudly showing yet another concept car while simultaneously announcing to discontinue their existing electric car series leaves a bitter taste.

At the same time, rather unobtrusively Kazakhstan underlined its ambitions to become the main transshipment place on future railway links between Europe and Eastern Asia. This emphasize was also to be observed by many other Asian countries (including Russia and China) and while the economic consequences are unclear, it is certainly a plus for our planet. 

Now, is the EXPO really marking a milestone for future energy production? Hard to say at this point, but it marks an important step in achieving this goal and surely a turning point for Kazakhstan that will eventually benefit the whole planet.

sabato 25 novembre 2017

Scritto da Camilla Mariani

Essere circondati da alberi, fiori che rinascono con l’arrivo della bella stagione e l’ecosistema che funziona come sa fare da secoli ci sembra una cosa scontata, a cui, nella gran parte delle nostre giornate, non prestiamo alcuna attenzione.
Tutto ci sembra routinario, come se mai potesse cambiare. È proprio questa consapevolezza che ci frega perché i dati sono tutt’altro che rassicuranti: gli insetti, e in particolar modo gli impollinatori, hanno bisogno del nostro aiuto.
La perdita nella popolazione di insetti ha degli effetti davvero devastanti e pericolosi per il nostro Pianeta: questi piccoli esseri volanti (che, diciamocela tutta, qualche volta reputiamo davvero fastidiosi) non solo assolvono il compito dell’impollinazione ma si occupano anche di numerosi cicli nutritivi e costituiscono una risorsa di cibo per uccelli, mammiferi e anfibi.

Ad esempio, l’80% di piante selvatiche dipendono dall’impollinazione degli insetti e circa il 60% degli uccelli ha questi insetti come base del proprio nutrimento. Tra le 100 specie vegetali che forniscono il 90 per cento del cibo utilizzato dalla nostra specie, quasi i tre quarti dipendono dalle api per l’impollinazione.  Altre hanno bisogno di coleotteri, mosche, farfalle, uccelli e pipistrelli. È un sistema reciprocamente vantaggioso: i fiori della maggior parte delle piante coltivate devono essere fecondati con polline di un’altra pianta della stessa specie per poter produrre semi o frutti; le api e gli altri animali impollinatori, come “ricompensa” si alimentano con il nettare (www.pesticidinograzie.wordpress.com). 
Inoltre, non volendo sottovalutare la questione economica, i servizi all’ecosistema forniti dagli impollinatori sono stimati, negli Stati Uniti, per un valore di circa 57 miliardi di dollari annui.  Appare quindi chiaro quanto sia di primaria importanza preservare l’abbondanza di insetti e impollinatori.


I dati correnti, tuttavia, ci suggeriscono un percorso di declino degli insetti in termini di diversità e numerosità: secondo una ricerca condotta di recente da numerosi professori ed esperti dell’Università olandese di Radboud, pubblicata sulla rivista scientifica Plos One, la popolazione europea di farfalle è diminuita, dal 1990 al 2011, del 50%; lo stesso fenomeno è stato registrato per api e falene.
“Si tratta di una scoperta sconcertante e decisamente allarmante per il futuro del nostro ecosistema. A preoccupare è anche il fatto che non si è ancora stabilito quale sia la causa principale dell’accaduto e questo elemento rende difficile adottare delle efficaci contromisure nel breve periodo” afferma Hans de Kroon, uno degli scienziati che ha condotto la ricerca.

I cambiamenti climatici, la perdita di habitat naturali e il deterioramento dell’ecosistema sembrano essere (non a caso) i maggiori colpevoli di questo fenomeno. Sostanzialmente, giorno dopo giorno, stiamo distruggendo il mondo di questi esseri viventi. All’interno di questo scenario, però, è necessario puntare il dito contro un altro colpevole di questo drammatico declino: i pesticidi.
Secondo la definizione di Legambiente, “I pesticidi, o antiparassitari, sono sostanze chimiche impiegate in agricoltura nell’eliminazione degli organismi parassiti (animali o vegetali) che danneggiano le piante coltivate e compromettono la produttività del terreno e la qualità del raccolto”.  Il nostro Paese è (secondo un rapporto dell’Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale del febbraio 2015) il maggior consumatore di pesticidi, tra quelli dell’Europa occidentale, per unità di superficie coltivata, con valori doppi rispetto a quelli di Francia e Germania.

Analizzando i dati, in sostanza, è necessario un intervento quanto più tempestivo possibile. La rivoluzione più importante che tutti potremmo fare sarebbe quella di un forte cambiamento di pensiero: non delegare sempre decisioni e azioni concrete ad associazioni ambientaliste o Istituzioni, ma agire, nel proprio quotidiano, in maniera consapevole. Credo ancora fortemente (forse in maniera un po’ utopistica) che il contributo della singola persona possa fare la differenza; che tutti siamo responsabili di ciò che facciamo e delle relative conseguenze sull’ambiente. Il tema lascia spazio a numerose riflessioni e i dati raccolti nel corso del tempo sono tantissimi; tra i report più interessanti che ho avuto modo di leggere, ce n’è uno, con numerosi spunti per soluzioni “pollinator-friendly” da adottare nei Campus universitari, intitolato “The pollinator toolkit”.
Invito tutti i lettori- soprattutto gli studenti universitari- a dargli uno sguardo!


giovedì 27 luglio 2017

Scritto da Camilla Mariani

Ad oggi è impossibile non aver letto alcuna notizia sull’uomo che sa anticipare il futuro: stiamo parlando di Elon Musk, l’imprenditore più visionario, rivoluzionario e influente del momento. Il noto imprenditore di origini sudafricane è conosciuto al pubblico per essere stato cofondatore del sistema di pagamento Paypal, acquisito nel 2015 da Ebay. Elon Musk sta rivoluzionando contemporaneamente tre settori a dir poco strategici: quello automobilistico, con Tesla Motors, quello dell’astronautica con SpaceX e quello delle energie rinnovabili con SolarCity. 

Sin da piccolo, Elon Musk ha sempre desiderato conquistare lo spazio tanto da pensare di poter portare l’uomo su Marte. Come ha dichiarato al Congresso internazionale di astronautica tenutosi in Messico, “quello che voglio veramente è fare in modo che Marte diventi possibile, una meta da raggiungere nel corso delle nostre vite”. Ed è esattamente da questo sogno nel cassetto che è nata l’idea di SpaceX e del primo razzo spaziale “riciclabile”. 

Falcon9 vertical at Cape Canaveral
Fonte: www.spacex.com (2017)









Il Falcon9 si distingue per essere riutilizzabile; la carica innovativa di questa invenzione risiede nel fatto che il razzo è in grado di utilizzare lo stesso motore per più lanci, oltre a poter tornare alla base terrestre senza pilota. L’imprenditore dichiara che “se è possibile capire come riutilizzare in modo efficace i razzi, come accade per gli aerei, il costo per andare sullo spazio si ridurrà di centinaia di volte. Un veicolo completamente riutilizzabile non è mai stato fatto prima”. Tra i progetti di Elon Musk la conquista dello spazio è quello più sorprendente: il suo obiettivo è, infatti, un vero e proprio ampliamento dei confini dell’uomo. 

Questo genio contemporaneo, oltre ad aver lanciato la “SpaceX Mania”, è stato lungimirante nell’anticipare un cambiamento di paradigma nell’ambito della mobilità: in futuro, questa, non sarà più collegata ad un oggetto hardware ma si traslerà nell’ambito software-piattaforma, così da considerare il veicolo come qualcosa di cui saremo utilizzatori finali. È proprio da questa sfida che nasce l’idea di Tesla Motors, azienda automobilistica produttrice di veicoli elettrici. 

L’ultima novità in casa Tesla è la “Model3”: prenotata in 375.000 unità ancora prima di sapere quali sarebbero state le specifiche tecniche e il design, questa berlina elettrica a zero emissioni presenta un’autonomia di almeno 345 chilometri e, appena lanciata negli Stati Uniti, ha un prezzo di circa 35.000 dollari. Insomma, è impossibile negare la supercredibilità di cui gode Elon Musk, vista anche la diffusa affermazione delle sue auto. Le novità non finiranno sicuramente qui; “non ci fermeremo finché ogni auto sulla strada non sarà elettrica” ha dichiarato Elon Musk. 


Model S
Fonte: www.tesla.com (2017)

La caratteristica più sorprendente di quest’uomo è quella di saper cambiare e determinare il corso della storia umana, dandogli un’accelerazione. Egli, infatti, partendo da principi elementari sta dimostrando di saper prevedere un futuro ambizioso, senza farsi influenzare da come operano le altre aziende, implementando ripetutamente le proprie idee, innovandole e stravolgendole. 

E non è finita qui. Il magnate americano è stato da sempre attirato dal mondo delle energie rinnovabili ed è stato il promotore di Gigafactory, un sito di grandi dimensioni per la produzione di batterie al litio per le auto e per i sistemi di accumulo Tesla. Tale interesse per le rinnovabili si è esteso oltre il campo delle auto elettriche tanto che nel 2016 nasce SolarCity, la prima fabbrica per la produzione di pannelli fotovoltaici a marchio Tesla. 

SolarCity
Fonte www.indeed.com/cmp/Solarcity/jobs
Non c’è da stupirsi se un imprenditore di questo calibro continuerà a segnare e determinare il corso della storia e la chiave del suo successo risiede proprio nei suoi principi: “Credo che questo sia il miglior consiglio: pensa sempre a come si potrebbero fare le cose meglio e metti in discussione te stesso” (Elon Musk). 

Written by Valeria Procoli



In June the Renewable Energy Agency (IRENA) published a working paper explaining how leveraging on innovation can accelerate the energy transition. According to the study, the shift is already taking place but it is not fast enough to turn the global energy system from fossil-based to zero-carbon by 2050. 


To enable the decarbonization of the energy system by 2050, technology improvements are not sufficient: innovation on policy, regulation, energy markets and business models plays a central role to meet and sustain the Paris Agreement Goals. In this prospective, government’s contribution is key. Indeed, public entities are able to create the right conditions to nurture innovation and, despite the huge investments needed, to help a transition that is economically feasible. In fact, the positive externalities generated will be able to overcome the costs: the reduced bad consequences  will be between 2 and 6 times greater than the incremental costs of decarbonization. 

To keep the world’s temperature growth below 2°C by 2030, energy efficiency, electrification and renewable energy technologies are decisive. In the best case scenario, the energy-related C02 emissions would fall to 25,5 Gt in 2030 thus achieving the 2°C goal. The further step will be reaching a level of 10 Gt CO2 emissions by 2050; in this case half of the reduction would come from renewable energy technologies. 

There is no doubt that innovation is the driver of all this: it does allow to make the renewable energies costs competitive when compared to fossil fuels, whose prices are distorted by subsidies and do not reflect  drawbacks on health and global climate. Therefore, renewable energies represent a “win-win-win” solution: not only they are able to fight climate change but also they promote wealth and social inclusion. However, to make them a real and successful solution, the governments’ intervention is fundamental: long term-policies to facilitate and stimulate the adoption of clean energies are key to reach the critical mass needed. 

Focusing on technology, among the 110 low-carbon options available, four of them (wind power, solar PV, electric vehicles for passenger transport and saving the carbon stored during plastics production in the chemical industry) represent 1/3 of the potential abatement by 2050. However, each sector has different abatement costs and innovation requirements. While in the power sector the transition is already cost-effective and in transport it is about to, the industrial and buildings sectors are much more challenging. Furthermore, the study shows that freight transportation and aviation innovations are slower due to the lack of policy incentives and long-term perspectives. Once more, this aspect shows the crucial role of governments in stimulating innovation where it’s most required.
  
Finally, as highlighted by the working paper, if the energy system decarbonization goal is to be reached by 2050, we need further investments and financial resources. But then it’s always essential to look at all  enabling conditions, with policies, markets, business models and regulations included. It should be firmly clear that to focus only on the technological part will never be enough. 

Read the full working paper here: http://www.irena.org/menu/index.aspx?mnu=Subcat&PriMenuID=36&CatID=141&SubcatID=3864

giovedì 13 luglio 2017

Scritto da Lucia Palomba

Dalle radici ad un grande albero: il nuovo green make-up
La Bellezza assume svariate sfaccettature, e certamente Madre Natura ci offre il proprio contributo, ma da oggi lo farà attraverso mezzi totalmente rivoluzionari: i cosmetici firmati “Organic Way”. 

Vediamoli più in dettaglio. Si tratta di prodotti di cosmesi ecosostenibili promossi dalla storica azienda Rolland a Granarolo dell’Emilia. 
Nata nel lontano 1948, la Rolland Srl, nasce come industria di cosmetica attiva dapprima nel panorama italiano e successivamente presente anche sul mercato internazionale. 
L’anno del più grande progresso sul piano dell’innovazione è stato il 2004, anno in cui nasce Organic Way e viene coniato come stile davvero chic nel campo della cosmesi, ma al contempo fautore di una “green responsibility”. La coltivazione di materie prime come piante officinali in un campo apposito denominato Otofficina, ha reso la produzione ed il suo effetto assolutamente naturali ed unici. 

Un motto unico per valorizzare materiali e prodotti sani 
Infatti il motto di Organic Way sottolinea i verbi “credere”, “volere” e “ricercare” proprio peeché nasce da un atto di fiducia e passione nei riguardi di un’economia eco-sostenibile, che abbracci la svolta nella realizzazione di un packaging in vetro riutilizzabile, ingredienti biologici e biodinamici, un marchio umano che acquisti da network equo-solidali, insomma una rivoluzione fatta di qualità, coerenza, trasparenza e passione. 
La conferma proviene dal responsabile trade marketing e comunicazione dell’azienda, Alessandra Ciccotosto, la quale spiega le fasi di crescita biodinamica delle piante nell’Ortofficina per far crescere piante in un terreno sano, affinché si ricavino principi attivi da inserire in oli essenziali di qualità, senza utilizzare pesticidi e dunque in modo tale da rispettare la natura e al contempo favorire il maggior benessere possibile per il cliente.  

Gli obiettivi 
L’azione di Marketing che si vuole mettere in pratica riguarda un’economia circolare ed inoltre Organic Way, poiché ha a cuore principalmente il benessere dell’uomo e della natura, lavora su più fronti di sostenibilità sociale, in particolare sui seguenti: 
1) Rispetto per l’ambiente e rispetto degli animali che si sposano con l’ottenimento della certificazione PETA Cruelty Free;
2) Cooperazione con network internazionali per acquisti equo-solidali: si tratta del fair trade, il quale sostiene produzioni di contadini provenienti da Paesi in via di sviluppo.
3) Uso di energie rinnovabili in azienda, con guida di auto elettriche, riciclo di materiali e mobili ecosostenibili.
4) Dal punto di vista della Corporate Social Responsibility: corso di yoga per far sviluppare il livello di benessere psicofisico nei lavoratori; disponibilità di verdura e frutta fresca in azienda per tutti tramite l’accordo “Local to You” stipulato con i coltivatori del posto.

Conclusione in pillole…
In sintesi, “Organic Way” guarda oltre, e vede davanti a sé la bellezza del nostro Paese, riprende un concetto degli antichi “Mens sana in corpore sano”, sostiene e sceglie un’immensità di risorse naturali, rende merito agli esseri umani che impiegano le loro energie nella fase dell’accrescimento di tali risorse. 

Certamente, nei numerosissimi eventi già in programma, l’Organic Way potrà far emergere tutto il suo splendore e dimostrare che nessun progetto, nessuna scelta e in generale nulla è impossibile. 


martedì 20 giugno 2017

Written by Valeria Procoli

If you thought that for high polluting industries sustainability is not “economically sustainable”  you will be surprised to hear about Italcementi’s green policies. I did when, during my course of “Sustainable Operations Management”, I had the opportunity to visit the company’s Research & Development department.

The cement and concrete industry is well known for being one of the most impactful on the environment, due to the massive amount of raw materials needed. Right for this reason being sustainable could represent a big competitive advantage. That is, however, truly challenging for such a company: it isn't just about recycling, it's about designing. It takes precise ex-ante choices in terms of products and processes to be able to reuse, remanufacture, recycle and minimize the inputs needed. To do so innovation is key and the company takes it seriously. 

Italcementi’s innovation hub is a fully sustainable (and amazing) building placed at the end of the so called “Kilometro rosso”, a scientific and technological park in Stezzano (BG). The building, named “i.lab”, has been designed by the famous architect Richard Meier (yes, the mind behind the Moma of New York!) to meet the highest sustainability standards and it is dedicated the R&D activities of the company. Photovoltaic and solar thermal panels satisfy 65% of the building’s energy needs while a complex geothermal system contributes to winter heating and summer cooling. Alternative, recycled, locally produced and FSC certified materials have been used to build the edifice.  For all these reasons it has achieved the Platinum LEED certification, the highest level of resource efficiency recognised by the  U.S. Green Building Council.

Despite its strong focus on sustainability, the company is realistic about the results achievable: as a cement company, it still needs extensive amounts of raw materials, energy and water. This means that it's hard to think about a totally green Italcementi, but a number of tools and initiatives can be undertaken to make it greener. Since 2007 the company can count on a team dedicated to it. As Mr. Stefano Gardi (Director of Sustainable Development Department) explains, the company’s commitment on sustainability has never been questioned by the recent merger with Heidelberg Cement as the two share the same values. For example, they are both members to the Sustainable Cement Initiative and produce annual Sustainability Reports to clarify the results achieved and set goals for the future, which are tracked by using a precise measurement system to understand the value generated and destroyed throughout the years. 

Also Italcementi’s product innovation is focused on sustainability. The R&D department has developed several solutions aimed at minimizing the impact on the environment. A great example of this is “i.active BIODYNAMIC”, the cement used for Palazzo Italia at Expo 2015 and i.lab itself, which is able to capture certain pollutants present in the air and convert them into inert salts, contributing to purify the air. 

This doesn’t mean that the company is totally green or has zero impact on the environment but it’s good to know that such a big manufacturing company carries on so many initiatives to get more sustainable.   


[Photos Credit: Daniele Domenicali Photographer]

venerdì 26 maggio 2017


Written by Eleonora Rizzo

Close your eyes. What would be your first thoughts if I mentioned Dubai or Abu Dhabi?
I guess you’ll start by picturing desertic landscapes and majestic dunes under a burning sun, and then, gradually, you'll see the city, with its breathtaking skyscrapers and hundreds of flashing lights. Unbridled luxury, artificial islands, opulence, this is what we would normally associate to the United Arab Emirates. 

However, many ignore that there is a secret story behind all that glitter and gold. The UAE are hiding a quiet but firm intention to take the leads towards a new and more sustainable way of living. A green revolution is moving forward under the sun of the Persian Gulf.

Economic overview and the dependence of oil

According to the Oil & Gas Journal estimates as of January 2017, the UAE holds the 7th largest proved reserves of oil in the world at 97.8 billion barrels, with most of the reserves located in Abu Dhabi (approximately 96% of the UAE’s total). Although oil exports still account for the largest share of GDP , the UAE are on their way towards a successful diversification of the economy. After the oil price crash in 2015, the central government set the goal to reduce oil contribution to GDP to 20% by 2020. In the meantime, there has been a generalised effort towards the promotion of innovation and sustainability in many other sectors. Favourable tax policies, strong transportation facilities and the establishment of 37 free trade zones make the UAE a very appealing business environment. 

The diversification of the energy sector

Unlike the case of European countries, the UAE's shift from fossil fuels (oil & natural gas) to renewables is mainly due to economic sustainability reasons rather than pure environmental awareness. Among the most important steps taken so far, there’s the $163bn in clean energy projects to ensure that the country’s power needs will be generated by renewables by 2050 and the creation of a solar power plant in Dubai by 2030. 

Nuclear energy investments are another important - and controversial - aspect of the story. The need to compensate for the country’s future energy demand without relying on fossil fuels, pushed the UAE government to pursue a peaceful nuclear energy program. Energy experts worldwide and government officials have called the UAE’s approach a “gold standard” for countries interested in exporting nuclear energy for the first time (Peaceful Nuclear Energy Factsheet, January 2010). The UAE’s branding of nuclear as a renewable source of energy will drive the nation’s economic development while reducing the country’s ecological footprint. It’s no secret that the country has one of the highest per capita carbon footprint in the world, 19.31 metric tons per person in 2014 according to Statista. Therefore, the urge to implement low carbon measures affecting both industries and individual consumption. Experts worldwide are still divided over the fact that nuclear could be included into a renewable energy program or not. Even so, nuclear represents a golden opportunity for a carbon intensive country such as the UAE where the dependence of the economy to natural gas & oil has become such a serious issue. 

Driving consumer behaviour

 Probably, the greatest challenge for UAE's government will be that of driving consumer behaviour towards more sustainable envrionmental practices. The shift in individual behaviour is aggravated by three key factor, which are :
  1. Absence of taxation both at an individual and corporate level that makes it very hard, now, to implement green taxes and set higher prices from clean energy sources.
  2. Extreme whether conditions making it impossible to live without air cooling systems
  3. The composition of society, constituted mostly by immigrants who stay in the country for just a few years. This represents a disincentive for the government to invest in environmental education.
An energy-efficient strategy will therefore need to address all these environmental issues from an integrated and coherent approach. UAE's strategy should include a tailored regulatory framework; a communications and information initiative to persuade residents, builders, and other stakeholders to reduce their energy consumption; and finally, R&D component to make sure the UAE is capitalizing on emerging technology to boost efficiency.




venerdì 5 maggio 2017

Scritto da Noemi Muratore

Ci sono parole che segnano un’epoca e “smart city” è sicuramente una di queste.



In un mondo la cui popolazione è in continua crescita e le cui esigenze cambiano in risposta all’introduzione di sempre nuove tecnologie, nasce questo concetto che sintetizza l’esigenza di creare città che sappiano adattarsi perfettamente alle innovazioni introdotte dall’ICT, che in breve tempo siano in grado di trasformarsi in metropoli digitali e sempre connesse. Una “città intelligente”, dunque, è un’area urbana sviluppata progettata in modo da creare sviluppo economico e alta qualità della vita, attraverso l’impiego della tecnologia integrata e l’ottimizzazione delle risorse, principalmente in ambiti chiave quali mobilità, comunicazione, economia, lavoro, ambiente, amministrazione ed edilizia.

Sostenibilità ed efficienza sono le parole chiave per diventare una “smart city”, ma vi è un terzo fattore imprescindibile, che ancora in pochi tengono in considerazione: la comunicazione. Una città intelligente comporta comunicazione tra persona e persona, tra le persone e le agenzie, tra i cittadini e gli spazi comunali, ponendo l'individuo al centro di ogni processo. Essa deve facilitare la condivisione di conoscenze, informazioni, esperienze, ponendo al centro della propria crescita le tecnologie più avanzate. Una delle città che fino ad oggi è stata maggiormente in grado di far proprie queste tre caratteristiche è la capitale della Corea del Sud: Seul.  Lo slogan di Seul capitale intelligente è "Seul a city of happy citizens and a city beloved by the world". La capitale coreana vuole diventare una città che conosce realmente e utilizza al meglio le tecnologie smart, eliminando il digital divide. 

Il progetto di Seoul smart city è focalizzato sulla creazione di un rapporto più collaborativo tra città e cittadini e sulla implementazione e diffusione, in tutti gli aspetti della vita quotidiana, dell'innovazione tecnologica e dell'ICT. Naturalmente lo scopo di questa massiccia digitalizzazione non è semplicemente quella di diffondere le tecnologie più avanzate ma fare in modo che queste siano al servizio del benessere dei cittadini e consentano di ottimizzare tutti i processi in una chiave di sostenibilità ambientale e di migliore qualità della vita. L’evoluzione di Seul vuole dare importanza alla comunità, all’aspetto umano perché questa, come tutte le grandi metropoli del mondo, ha diverse contraddizioni da risolvere: squilibri sociali ed economici molto accentuati, alta densità abitativa, esclusione sociale, alti livelli di inquinamento, traffico congestionato. Per questo la sua innovazione prevede anche degli interventi di sostenibilità sociale, centrati sul rafforzamento delle condizioni dei cittadini meno abbienti e delle fasce più deboli, come anziani e disabili.


La digitalizzazione della capitale rientra all’interno del progetto “Smart Seul 2015” che si fonda su tre pilastri: diffusione infrastrutture ICT, gestione integrata della città, smart users. Tra le varie azioni intraprese risultano di particolare importanza quelle relative all’eliminazione del digital divide come la previsione di una rete wi-fi pubblica estesa in tutti i punti della città e la fornitura di molti servizi amministrativi attraverso devices e applicazioni per smartphone; è prevista, inoltre, la donazione degli apparecchi usati ma con tecnologia recente ai soggetti più disagiati al fine di diffondere sempre più l’utilizzo di questi strumenti. Attraverso gli smartphone i cittadini potranno ottenere informazioni amministrative e potranno anche presentare querele e reclami, grazie a servizi Location-Based (LBS). Una delle molte iniziative è U-Health Care, che fornisce check-up e consulti in ambito sanitario grazie ad apparecchiature mediche all’avanguardia telecomandate e dispositivi intelligenti.

Ma il progetto si spinge ben oltre la sfera individuale, ponendo l’attenzione anche sull’efficienza energetica, grazie a reti basate sullo smart metering e le smart grids e all’utilizzo di LED nelle metropolitane, e sulla sicurezza informatica ed elettronica tramite l’installazione di un sistema di telecamere a circuito chiuso. Interessante, infine, è anche il concetto di smart work: la città mette a disposizione numerosi centri in cui chiunque può servirsi di apparecchiature ICT per video chiamate e video conferenze e data centers basati sul cloud computing.

venerdì 28 aprile 2017

Scritto da Camilla Mariani


Giorno dopo giorno, sotto ai nostri occhi, si sta verificando una delle più grandi estinzioni di massa (la sesta nella storia della nostra Terra) che sta distruggendo la biodiversità del nostro Pianeta.
Le specie si stanno estinguendo a tassi mai visti prima: secondo gli esperti, entro la fine del secolo, il 50 per cento delle specie viventi rischia di scomparire e la questione è a dir poco allarmante.
John Knox, professore di diritto internazionale alla Wake Forest University e relatore speciale Onu sull’Ambiente e i Diritti Umani, non ha esitato a trattare l’argomento nel suo ultimo rapporto presentato all’Onu.

L’esperto evidenzia il legame sotteso tra diritti umani e biodiversità.
Secondo l’opinione di Knox, “il pieno godimento dei diritti umani, inclusi il diritto alla vita, alla salute, al cibo, all’acqua, dipendono dai servizi forniti dagli ecosistemi. La fornitura di servizi da parte dell’ecosistema dipende dalla salute e dalla sostenibilità degli ecosistemi stessi, che a loro volta dipendono dalla biodiversità”. 
La sua visione è molto più realista di quanto sembri; nel suo report afferma che le norme sui diritti umani non sentenziano in modo assoluto che l’ecosistema resti lontano dall’azione umana.
Lo sviluppo economico e sociale dipende, infatti, dall’uso dell’ecosistema, includendo, nei casi più appropriati, la conversione di quest’ultimo in sistemi “human-managed”, quali ad esempio pascoli e territori coltivabili.
Per supportare il continuo godimento dei diritti umani, tuttavia, questo sviluppo non può fare un uso sfrenato dell’ecosistema e distruggere i meccanismi naturali dai quali dipendiamo; lo sviluppo deve essere sostenibile e per definirlo tale è necessario avere ecosistemi sani.
Tra le cause principali alla base della perdita di biodiversità, quasi sempre è individuabile l’azione dell’uomo, il quale, però, rischia di pagarne le più gravi conseguenze.
L’impatto negativo dell’azione umana, nel corso del tempo, si è manifestato sotto una pluralità di aspetti: con l’alterazione degli habitat e l’introduzione di specie geneticamente modificate si sono verificati numerosi scompensi nell’equilibrio ecologico.
L’inquinamento ha compromesso irreparabilmente i flussi energetici, la costituzione chimico-fisica dell’ambiente e l’abbondanza delle specie provocando un vero e proprio cambiamento climatico di portata irreversibile.
Un’altra manifestazione di questi fenomeni (umani) distorsivi si è concretizzata, inoltre, in un sovrasfruttamento delle risorse: le sfrenate pratiche di cattura e raccolta non lasciano sufficiente tempo alle specie per riprodursi.

Presentando il rapporto all’ Onu, John Knox ha invitato le nazioni a minimizzare i danni causati agli ecosistemi e alla biodiversità. È importante ricordare come la biodiversità di un ecosistema o specie ne determini la capacità di reagire e adattarsi a mutamenti e perturbazioni ambientali, quindi, in ultima analisi, ne determini la sopravvivenza.
È necessario passare dalla teoria alla pratica nel minor tempo possibile: in gioco non c’è soltanto l’equilibrio ecologico del nostro Pianeta, ma la sopravvivenza della diversità culturale, valoriale ed etnica di intere comunità rurali che affondano le proprie radici nelle sinergie alla base della biodiversità.

mercoledì 26 aprile 2017

Scritto da Valentina Tringali

Sostituire un tetto standard con un tetto verde amorevolmente adornato da piante o da pannelli solari sempre più trendy può fare miracoli per ridurre l'impronta di carbonio di un edificio.
I pannelli solari sul tetto sono un'opzione sempre più accessibile: il prezzo medio di un impianto fotovoltaico residenziale è gradualmente diminuito, a partire da $ 2.40 al watt nel 2012 a $ 1.58 al watt nel marzo di quest'anno, secondo l'indice dei prezzi PV di Solar Choice.

Un tetto di un edificio può essere utilizzato per molto più della semplice raccolta dei raggi solari. Infatti, i tetti cosiddetti freddi mirano a fare esattamente l'opposto, riflettendo quanto più possibile l'energia del sole. Un tetto piatto al sole di mezzogiorno riceve circa 1.000 watt di luce del sole per metro quadrato. Un tetto scuro assorbe gran parte di questa energia, riscalda il tetto e l'edificio sottostante, nonché l'aria circostante. I condizionatori che succhiano questa aria calda possono ulteriormente esacerbare i requisiti di raffreddamento dell'edificio.

"Se hai un tetto freddo, questo problema può essere eliminato", afferma Geoff Smith dell'Università di Tecnologia Sydney, specialista in tecnologie per il tetto verde.

Il modo più semplice per riflettere i raggi del sole è quello di dipingere un tetto bianco - qualcosa che i Greci hanno fatto per secoli. Un tetto bianco riflette circa l'85% della luce del sole che lo colpisce - almeno quando è pulito - e riscalda solo alcuni gradi più caldi della temperatura dell'aria esterna. Un tetto nero, al contrario, può riscaldarsi raggiungendo più di 80 ° C, secondo l'esperto di costruzione sostenibile Chris Jensen dell'Università di Melbourne.

"Sulle mattonelle di un tetto nero potresti friggere un uovo, e su un tetto freddo potresti camminare a piedi nudi", dice Jensen-

Recentemente, il gruppo di Smith ha prodotto rivestimenti dei tetti che mantengono le temperature ancora più basse della temperatura ambiente. Essi raggiungono ciò riflettendo la luce del sole tramite fogli di plastica sottili - simili a un involucro di plastica - spesso combinati con strati di argento e altre nanoparticelle riflettenti.

A differenza dei tetti verdi, che possono richiedere notevoli infrastrutture per essere sostenuti, i tetti freddi possono essere ottenuti con un rivestimento verniciato su un tetto già esistente. Mentre il bianco riflette la luce più visibile, i tetti colorati possono essere resi più freddi rivestendoli con materiali studiati per riflettere la luce nello spettro a infrarossi, che contribuisce anche alla quantità di calore che ottiene un tetto.
I vantaggi di un tetto freddo si estendono oltre l'edificio in cui si trova. L'aria riscaldata che si trova sopra i tetti scuri è un grande contributore all’innalzamento delle temperature urbane di tre o quattro gradi. La modellazione del riscaldamento urbano a Chicago ha stimato che la temperatura dell'aria sopra i tetti freddi sarebbe stata ridotta di 7-8 °C rispetto ai tetti convenzionali. I tetti freddi hanno superato anche i tetti verdi - per circa un grado.
Anche i risparmi energetici sono grandi. L'aumento della riflettività del tetto da 10-20% a circa il 60% può ridurre i costi di raffreddamento di un edificio di oltre il 20%. Ma non tutti gli edifici ne beneficiano: un appartamento o un blocco di uffici di un grattacielo non riceverà in nessun posto gli stessi vantaggi di un magazzino, centro commerciale o aeroporto a bassa quota, o anche di una abitazione a un solo piano. Come ulteriore vantaggio, il lavoro di Jensen e dei suoi colleghi ha dimostrato che i pannelli solari installati su un tetto freddo producono quasi il 7% in più di elettricità in rispetto a quelli installati su un tetto convenzionale.

Nel 2009, i ricercatori del Lawrence Berkley National Laboratory degli Stati Uniti hanno stimato che circa 24 gigatoni di emissioni di anidride carbonica all'anno potrebbero essere compensate se le città del mondo adottasserp tetti freddi - non male dato che le aree urbane rappresentano solo l'1% della superficie terrestre. L'offset per una singola casa con un tetto di 100 mq è di circa 6 tonnellate di anidride carbonica - un pezzo decente delle 26 tonnellate pro capite di gas a effetto serra che gli australiani stanno emettendo.

Una critica sui tetti freddi è che i vantaggi del raffreddamento in estate possono essere superati da un aumento della domanda di riscaldamento in inverno. Ma secondo Smith, i tetti sono raramente i principali colpevoli di perdita di calore negli edifici australiani.

Una delle principali sfide, dice Smith, sta nell’affrontare il problema estetico. Anche se i tetti più chiari diventano sempre più popolari nel clima più caldo del Queensland, dice, "molta gente ha timore all'idea di un tetto bianco".
Written by Matto Giobbe



The fast pace at which tech market is developing is stunning. In the latest years, fields such as artificial intelligence, robotics, the Internet of Things and autonomous vehicles gained a central role in the world wide scenario. Big Tech companies started investing heavily in innovative start-ups, expanding their businesses into the artificial intelligence market. Alphabet Inc. launched its venture capital found GV (formerly Google Ventures) in 2009, aiming to provide the right tools to support the growth of promising technology companies. Microsoft did the same in 2016, founding Microsoft Ventures. AI, robotics and IoT are markets that could, and probably will, worth billions of dollar and Tech Giants are fighting to obtain the most innovative start-ups in order to play the game as first movers. 

Market growth
The worldwide revenues for cognitive and artificial intelligence will reach $12.5 billion in 2017, according to the forecasts from International Data Corporation (IDC). With an expected compound annual growth rate (CAGR) of 54.4% through 2020, Tech Giants are willing to continue the aggressive acquisition strategy shown in 2016, when at least 40 AI start-ups were assimilated. Expected revenues for 2020 should exceed $46 billion, which makes the market even more appealing for investors. 


  
The automotive sector took a step ahead in this direction. Driverless cars represent a huge driver for these investments, creating a flourishing environment where tech companies want to compete. NVIDIA and Waymo are investing in autonomous driving solutions as well as Tesla and Uber. Almost 20% of NVIDIA’s revenue came from its data center and auto segments in the last quarter.
Although the automotive sector held the largest media exposure, the potential of growth of AI in the next years it seems that will be related to the consumer services’ industry. 

Help your business become “customer-obsessed”
The adoption of natural language processing is gaining a central role in this sector, especially in retail. Online shopping is providing a huge amount of data to work on, and AI is a great instrument to perform a finer consumer experience. “Understanding things like social profiles, movement, weather, and behaviour, AI can help marketers understand at a more granular level what consumers want and need” is how IBM’s first CMO, Michelle Peluso, thinks AI could reshape markets.
Forrester predicts that customer data driven projects will increase by 75% in 2017 and one third of companies are willing to introduce big data solutions in the next year. In order to accelerate the digitization of their business processes, companies must reinvent their business model, providing tools that could support the shift into the digital era.

Customer service is now very critical in the long-term success of businesses. Amazon pursue one of the best example of this trend, structuring a customer-based service that is built on the customer Journey. Just think about a service such as Amazon Go or a product like Amazon Echo. The first envision a convenience store without checkout lines, the latter your personal intelligent assistant. Both aim to get closer to the customers, responding to their needs in an efficiently and smart way.
Technologies will help chase this goal. Companies have been introducing big data tools to provide customer journey analytics and perform a better segmentation, achieving better performance thanks to their abilities to make smarter decisions and improve strategic planning. 

AI potential
The potential for AI is limitless and runs across almost all the industries. The next 20 years could drastically change the way we approach life. Start-up like Banjo, could literally change the way we see the world. The objective of the company is to build the first world’s “crystal ball”. In an era where we are constantly overwhelmed by information and content, just imagine a tool able to “instantly collect and organize the world’s social and digital signals, giving an unprecedented level of understanding of what is happening anywhere in the world, in real time”. And it was just to mention one.

IDC is also forecasting that education will see huge growth in AI spending over the next years. In order to keep the pace with the job market, education system should provide the new competencies that will be required to support the growth of AI. Computer programming will gain a prominent role, which means that the job market will be redesigned for engineering and coder positions. 
IT skills will be necessary to keep up with the technology development, but the game is in the hands of educational institutions that bear the responsibility to infuse the knowledge required to perform the jobs of the future.

mercoledì 19 aprile 2017

Scritto da Andrea Ballor


La distruzione delle barriere coralline a livello globale causata dall’innalzamento delle temperature, potrebbe arrivare a costarci più di 1 triglione di dollari.
Lo sostiene un report dell’Australia’s Climate Council. Con la perdita della Grande Barriera Corallina soltanto, l’Australia perderebbe più di 1 milione di visitatori all’anno e 10.000 posti di lavoro, risultando in una perdita netta di circa $1Mld per il Paese. Si tratta del più grande caso di scolorimento dei coralli registrato, e va avanti dal 2014.
Secondo Lesley Hughes del Climate Council, questa devastazione è dovuta all’innalzamento delle temperature degli oceani. Senza il surriscaldamento globale, eventi del genere sarebbero virtualmente impossibili. 
Il governo australiano si sta già muovendo in questo senso, offrendo incentivi agli agricoltori per l’adozione di tecniche più sostenibili. Questo è un buon esempio di come la collaborazione pubblico-privato possa essere una delle strategie per far fronte al pericolo di perdere per sempre le barriere coralline.
Nonostante ciò, in Australia nel 2016 si sono prodotte lo 0,8% in più di emissioni rispetto all’anno passato e l’apertura delle nuove miniere di carbone nel Queensland, di certo non ha aiutato. Inoltre, secondo un sondaggio appena condotto dall’Australian Research Council, lo sbiancamento di massa che ha colpito i coralli negli ultimi 3 anni ha portato alla distruzione di circa due terzi della Barriera.
È un errore creare una dicotomia tra economia ed ecologia. Specialmente in questo caso. La Grande Barriera Corallina è uno dei più importanti asset economici australiani. Porta annualmente $7Mld nelle casse dello stato e supporta la vita di più di 70.000 persone.




venerdì 14 aprile 2017

Written by Bianca Thiglia

China has announced the project for a natural park that would span over a territory 60% larger than the Yellowstone. It will be bordering with Russia and North Korea, in the north-east part of the country, and dedicated to the conservation of the critically endangered Amur tiger and Amur leopard. The new protected area will so be 14,600 square kilometres wide and integrated in the 2020 strategy that would see the piloting of 9 parks throughout the national territory. Chinese biodiversity is one of the greatest on the planet and this new policy of “ecological civilization” –stewarded by president Xi Jinping himself- could be the first structured attempt at preserving it. The park system would indeed allow for ecological corridors, connecting old and new reserves and allowing wildlife to thrive and roam. 



The western concept of natural parks is new to China. It was pioneered by the US as a model that then spread throughout the continents. Chinese officials are not hiding their taking inspiration by the Yellowstone case itself, building a consulting and management team that highly relies on American experts. This new system will integrate the current one based on a myriad of protected areas where mismanaged law enforcement does not prevent high rates of exploitation and poaching. 

A grim example is the park of Zhangjiajie, one of the most popular of the country. The beauty of its stunning and unique karst canyons inspired the setting of the movie “Avatar”. But its popularity marked its transformation into a trap for tourists, where busses come and go from early morning to sunset and crowds of visitors queue in front of the gates of the most renowned photographic spots. There even is a McDonald on the main peak, plastic Avatar creatures posing for selfies, glass elevators ease tourists’ hiking and dozens of people are constantly heard screaming from one mountaintop to another. Not exactly a safeguarded shelter for wildlife. 

It is to be seen which orientation, with their unprecedented management structure, the new parks will take. Whether still tourist-oriented or naturalistic, the initiative surely represents a massive step, potentially carrying a leadership status of China in conservation of critical species. And public officials are determined to lead the process with cold efficiency. Residents communities are planned to be relocated to clear the newly protected areas. Some will still be allowed to live within their borders, offered park-related employment such as rangers or guides. 

Human-wildlife conflicts (HWC) are another aspect not to be neglected. They are emerging with the recovery of big cats’ populations, farmers seeing their livestock falling victim of occasional preying. Every loss is supposed to be reimbursed by the government but examples from all over the world –including Italy and its uncertain management of wolves’ comeback- show the insufficiency of this measure. Coexistence between human communities and wildlife is possible but only with a concentrated effort based on prevention, education and institutional support. Where farmers have been abandoned, retaliation skyrocketed, resulting into hostility and the poaching that was one the leading causes that brought predators on the brink of extinction. 
To effectively implement its ambitious parks system, China might need to further leverage on the western not-so-successful experience on HWC mediation. Without a strong institutional response to rural communities’ needs, the overcoming of the challenges of conservation will be out of reach. 


[Photo n.2 credit: Ronnie Macdonald - Amur Tiger, https://www.flickr.com/photos/ronmacphotos/11065832704/]



mercoledì 12 aprile 2017

Scritto da Noemi Muratore

In occasione del Salone del Mobile di Milano mi sono recata ad una delle esposizioni del Fuorisalone, l’insieme degli eventi che si sviluppano in parallelo nel cuore della città. L’installazione denominata “this will be the place” organizzata da Cassina, azienda italiana di arredamento, è ospitata presso la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, in una struttura fatta di vetro e cemento che ha la classica forma di una casa stilizzata e che sposa perfettamente l’indirizzo architettonico della nuova Milano. Al quinto e ultimo piano del palazzo, tra le vetrate che si affacciano sull’Unicredit Tower e una biblioteca piramidale, ho scoperto Kar-a-sutra, la folle concept car progettata nel 1972 da Mario Bellini su proposta del MoMA di New York, museo all’interno del quale fu poi esposta. Precursore delle future monovolume, si tratta di un modello in cui la funzionalità, in questo caso intesa come abitabilità interna e comunicabilità fra gli utilizzatori, si accompagna alla fantasia, all’eccentricità, all’anticonformismo.

Nel pieno sviluppo dell’industria automobilistica, Bellini si oppone alla concezione di una macchina che ci farà morire, che soffoca le nostre città, che ammorba l’aria e che ci stordisce con i suoi rumori; ma allo stesso tempo vuole sconvolgere quella che è l’idea dell’automobile nell’immaginario collettivo, all’interno della quale possiamo entrare, sederci, fumare, pensare, forse anche leggere, parlare con il passeggero in fianco, accendere la radio, sbirciare il paesaggio e uscire. Ma nonostante tutto questo e per tutto questo egli vuole ripensare l’automobile mettendola in contatto con l’uomo, rendendola uno “spazio umano mobile”, dove si possa stare comodi, dove ci si possa sdraiare, dormire, sorridersi, conversare guardandosi, alzarsi in piedi, cambiare posto. Per fare ciò Bellini non si preoccupa di progettare un’auto più pulita, sicura o silenziosa, bensì una vettura fatta interamente di acciaio strutturale e vetro, che possa mettere in contatto i viaggiatori con l'ambiente esterno.



Kar-a-sutra si pone l’obiettivo di abbattere una realtà in cui gli automobilisti vengono gerarchicamente classificati in base ai centimetri cubici, al numero di cilindri, ai cavalli, all’accelerazione da fermo e alla velocità massima, in cui i guidatori si lasciano troppo facilmente fregare dalle strategie di marketing, per creare una macchina che sia spazio umano in movimento, che sia spazio per accadimenti più significativi, che sia mezzo più efficace per la nostra ansia di comunicare e conoscere.

Qualcuno potrebbe sostenere che in realtà questa automobile, o per meglio dire questa idea di automobile esiste già e si chiama roulotte, tuttavia il tratto essenziale che distingue alla base i due modelli è il concetto, è l’idea, è il fine per il quale sono stati creati. La roulotte vuole semplicemente riprodurre dovunque ed indifferentemente i riti domestici, Kar-a-sutra vuole invece sconvolgere, innovare, modificare il nostro modo di pensare e la nostra concezione di mezzo di trasporto.

“Aperti o chiusi, alti o bassi, si potrebbe fare il giro del mondo in due, portando tutto fuorché la tenda”.